singer & song writer


TESTI


la ballata della mietitura

  (TESTO Nonuccio Anselmo MUSICA Lucina Lanzara)

 
 
 
 
La ballata del grano
 
 
Fu quella notte
in cui accendesti il fuoco
e firmasti
la tua condanna;
fu quella notte
che guardasti il cielo
e trovasti
quella falce bianca.
 
Al primo luccicar dell’alba.
 
 
U frummentu cula
commu acqua ntra li ita,
si iecca nno surcu
pi ripigghiari vita.
Cumincia accussì
‘na canzuni d’u cori
picchì nun c’è fruttu
si prima nun mori.
 
 
E fu quel giorno
che ti sentisti forte
e firmasti
la tua condanna.
Sì fu quel giorno
che armato di falce
entrasti
dentro il mare giallo.
 
Il sole incendiava il vento.
 
 
La fauci tagghia
doppu l’inchinu:
un’è trarimentu,
è sulu distinu.
E’ accussì chi sicuta
a canzuni d’u cori
picchì puru u fruttu
frutta sulu si mori.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E fu quel giorno
in cui occupasti il feudo
e firmasti
la tua condanna.
Sì, in quel giorno
conoscesti la verità:
ogni zolla
ha il suo padrone.
 
Il sole si velava in cielo.
 
 
A imenta pista,
a spiga si spagghia:
d’un latu u frummentu,
di l’avutru a pagghia.
E’ accussì chi finisci
a canzuni du cori:
d’un latu si campa,
di l’autru si mori.
 
 
E fu quel giorno
che ti sentisti schiavo
e firmasti
la tua condanna.
Guardasti sul campo
i covoni del padrone
e sentisti
il peso del sudore.
 
All’orizzonte era già tramonto.
 
 

indietro