singer & song writer


TESTI


Quarto dei Mille

    

2.QUARTO DEI MILLE
 
Quarto dei Mille
Scoglio mio diletto
Rifugio quotidiano in terra straniera
Gabbiani liberi sul cielo indaco
“Benvenuta Signora l’aspettavamo”
Tramonto unguento di rubini ed ambra
Quarto dei Mille, per te mi spoglio.
 
Tu nudo a sera, come d’inverno
D’estate vestito topless bikini
Tatuaggi ostentati Racconti di Viaggi
Bellini, Cuba Libre, fischio di treno dal Levante
 
Sprofondo nel miracolo della tua bellezza
Levo i sandali, la maglietta
Abile mossa, costume indossato, borsa nascosta.
 
Vengo,  Arrivo, cauta mi avvicino
Il mare mi chiama, seduce,  consola
Sublima la fatica Rinfresca il dolore
Prendo confidenza Fò la riverenza con la mano
Mi sciacquo la faccia, la bocca si curva d’un sorriso
E’ il turno di piedi, di cosce di fianchi,
un brivido sale
 
Chi gioca a carte, chi si innamora
Tra creme spalmate, conchiglie raccolte
Chi evita il bagno: meduse
Chi deve restare a guardare
Coraggio mi tuffo e prendo a nuotare
nuotare nuotare Nuotare nuotare
Finchè ne ho le forze
mi oppongo alla forza del mare
del mare
 
Mi arrendo desisto mi lascio cullare
Esausta galleggio sull’onda dell’onda
e sento un calore che viene da dentro
ed incontra fuori il Sole contento
 
Miro Sturla Boccadasse e immenso il mare
Miro lo scoglio di Quarto e vivere il mare
Miro un orizzonte inesistente
e mi sento il mare.
 

indietro